AcquaKabbalahMetaquantistica Informazionale (MQI)

L’informazione e la Metaquantistica Informazionale

Pubblicato il



L’informazione in MQI

L’informazione e la Metaquantistica Informazionale

 

Luc Montagnier nell’esperimento DNA waves and water, ha disciolto in acqua dei nucleotidi di base, con un enzima ed ha riprodotto un DNA, perfettamente uguale all’originale.

L’esperimento è effettuato a distanza di migliaia di chilometri, inviando con un e mail la sequenza mp3 che riproduce le frequenze prelevate dal DNA originale.

Quest’esperimento, descritto nell’articolo: Acqua, lacrime ed emozioni , non è stato approvato dalla comunità scientifica.

Questo studio dovrebbe essere approfondito, non tanto per dimostrare la memoria dell’acqua, ma per le sue potenzialità di applicazione per l’ informazione e la Medicina Quantistica Informazionale.

L’esperimento del Prof. Montagnier, è un esempio e spiega il ruolo dell’informazione sugli enzimi.

Abbiamo, dei nucleotidi base, un enzima e acqua sterile in una provetta, lasciamo il tutto per 1 ora, un giorno, un mese, un anno cosa succede?

NULLA !!

Il DNA non si riproduce.

Mettiamo a contatto la provetta e “facciamo ascoltare” per 1 ora come dice il Prof .Vitiello la “musica” prelevata in precedenza dal DNA originale, in un giorno abbiamo la replica del DNA originale.

Questa musica o meglio queste frequenze informazionali hanno attivato gli enzimi che hanno dato luogo alla reazione.


Informazione e la Medicina Quantistica Informazionale
Informazione e la Medicina Quantistica Informazionale



Gli enzimi sono i catalizzatori, gli acceleratori delle reazioni di tutti gli esseri viventi.

Gli enzimi sono indispensabili per la vita e nel caso dell’esperimento la mancata attivazione dell’enzima non porta alla conclusione il test, non si ha la replicazione del DNA.

La frequenza è fondamentali per attivare l’enzima, che da inizio alla reazione, l’accelera e la conclude.

L’enzima “sollecitato” dalla frequenza è attivato in senso positivo perché la “canzone” è compatibile, ma se il nostro enzima ascolta una frequenza incompatibile cosa succede?

Nulla, non si attiva, oppure se sta lavorando, forse blocca la reazione.

Quindi, in base all’informazione o al segnale che viene inviato, l’enzima si attiva o si blocca e di conseguenza, attiva o blocca, la reazione.

L’enzima recepisce un segnale, la “sua musica” preferita o ostile per attivarsi o disattivarsi, ma chi manda il segnale?



Nel caso dell’esperimento del Prof. Montagnier e del Prof. Vitiello è stato un computer.

Nel caso di un organismo chi invia il segnale?

Il Fisico o la Mente o l’Emozione o la Coscienza?

Il segnale può essere d’ origine Fisica  “un tuono” , una musica, il timbro di una voce, un ultrasuono o un tono binaurale che le orecchie umane non percepiscono.

Può attivarsi per un Emozione, una frase o un parola “ mi manchi”, “ mi fai schifo”

Generato dalla Mente “ gli asparagi sono diuretici li mangio così urino ” o “ non posso mangiare gli spinaci, ho fatto indigestione, se li mangio sto male”

Concepito a livello di Coscienza intesa come luogo dove sono riposte le nostre azioni consce o inconsce o memoria del DNA o dello Spirito (Soul field) dove risiede la forza vitale dell’individuo o per chi crede nella reincarnazione, memoria storica quello che abbiamo ereditato da altre vite dei nostri genitori o avi.

Coscienza con i suoi vari stadi: vegetativa, ordinaria, meditativa dove le informazioni viaggiano con onde gamma

Il sistema nervoso è quindi l’unico metodo di comunicazione dell’organismo o esiste anche un altro sistema che invia le informazioni?

E’ l’intero organismo che memorizza le informazioni? 

Siamo collegati punto per punto ad una Memoria Universale?  un “Tutto”  che invia energia?

 

(NB  Il testo italiano, ortografia e punteggiatura, non sono  perfetti perché sono adattati a Google Traduttore e Balabolka).

@DrTraverso titolare del Copyright 2015

Disclaimer