Metaquantistica Informazionale (MQI)

La meditazione e lo studio

Pubblicato il
meditazione



La meditazione una pratica potente

Perché meditare può essere d’aiuto nello studio e nella vita

I giovani sono costretti a prendere decisioni importanti molto presto.

Non è facile decidere quale professione seguire per il resto della vita.

E non è raro che, dopo un anno o due, lo studente si renda conto che non era quello che immaginava e oltre ai  dubbi, bisogna avere un altro requisito: superare la competizione.

Sono mesi di studio e dedizione, in molti casi abbandonando la vita sociale, gli amici, le vacanze, il cinema e persino la fidanzata.




Lo studio, un fase della vita

E’una fase della vita.

Questo è quello che dicono genitori e amici, è vero, ma la frustrazione di non passare un esame è ugualmente proporzionale al tempo trascorso a studiare.

E non resta che ricominciare, studiare di più e riprovare l’anno successivo.

Ci sono diverse lezioni che si possono imparare da questa situazione.

Il primo è che non solo il tempo di studio è una fase.

Tutta la vita è un susseguirsi di fasi, perché dopo aver superato gli esami , iniziano altre fasi: quella del professionista all’inizio della carriera, poi quella del professionista più esperto, del responsabile della squadra e così via.

E una cosa che a molti non dispiace ed è un aspetto che non ha nulla a che fare con lo studio stesso.

L’esame

Spesso gli studenti sono in una stanza piena di “concorrenti” in una prova estenuante che dura diverse ore e esaurisce gli studenti mentalmente e fisicamente.

Il più grande concorrente non è la persona del tavolo accanto, è dentro di te, nella tua mente.

Questo perché è molto comune per gli studenti studiare tutto l’anno, dedicarsi volontariamente e al momento del test “avere un vuoto”, un panico quando si legge una domanda dopo l’altra e non si ha l idea di come rispondere.

Il peggio è quando ci si ricorda d’aver studiato l’argomento, si conosce la risposta, ma semplicemente è scomparsa dalla memoria.

Per aiutare in questo, c’è un alleato potente alle ore di studio: la meditazione.



La Meditazione un alleato nello studio e nel lavoro

La meditazione, se praticata come abitudine, è uno strumento potente per far avere la serenità necessaria per affrontare il test o lavori che richiedono concentrazione.

Tre motivi per meditare:

  1. CONCENTRAZIONE : la meditazione allena la mente a essere più focalizzata, e questo è indispensabile quando facciamo un test,  mantiene la mente oggettiva nella questione del tempo, senza perdersi nella paura di ciò che ci aspetta.
  2. CALMA : la meditazione calma. Soprattutto quando praticata in concomitanza con alcuni esercizi di respirazione, la  mente tende a diventare più tranquilla, la frequenza cardiaca rallenta e l’assorbimento di ossigeno diventa più efficiente. Bisogna anche ricordare che l’ansia è un terribile consigliere.
  3. MATURITÀ : la meditazione sviluppa la maturità della mente. Ritornando al punto di “essere in una fase della vita”. Fondamentalmente, sai (perché è vero) che il mondo non finirà se non può essere approvato. E questo ti dà sicurezza. Pensiamo che la sicurezza sia sicura del successo. In realtà, nulla ci dà più sicurezza che non aver paura del fallimento.

 

MeditazioneMeditazione
Teoria e pratica
Douglas BakerCompralo su il Giardino dei Libri

 

 

Che cos'E' la MeditazioneChe cos’E’ la Meditazione
Introduzione al buddismo e alle tecniche di meditazione
Rob NairnCompralo su il Giardino dei Libri

 

 

Fonte

Jorge Carrano